Tel. +39 045 6095166   |   lead@pantherm.it

Privati

 

Stai pensando ad un impianto radiante?

Scegli l’esperienza e la professionalità dei sistemi Pantherm: dal 1974 mettono la miglior tecnologia al servizio del benessere.

Per i nostri prodotti ci affidiamo all’esperienza dei nostri Installatori Certificati, in grado di garantirti tutto il comfort, la sicurezza e il risparmio energetico che meriti.

I prodotti Pantherm sono Brevettati, Made in Italy e garantiti!

Cerca l’installatore più vicino a te!

Tabella conducibilità termica pavimentazione

Con i sistemi di riscaldamento radiante sono da preferire materiali con conducibilità termica elevata, che consentono efficienze  elevate anche con temperature di mandata limitate. Nel caso del Legno, Linoleum e gomma, per evitare il loro effetto isolante, è consigliato utilizzare il minor spessore presente sul mercato. La moquette è altamente sconsigliata per l’impianto a pavimento per il suo effetto isolante.

descrizione tipologia pavimento Pantherm

Ti sei mai chiesto...?

Il pavimento radiante fa più caldo?

Sì, garantisce lo stesso comfort abitativo con una temperatura di 2° inferiore rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali.
Il caldo infatti tende a salire verso l’alto, raggiungendo il clima ottimale proprio all’altezza del corpo, assicurando così le condizioni di benessere termico.

Con l'impianto a pavimento radiante risparmio sulla bolletta?

Sì, circa il 15-25%. Il risparmio e  è dovuto all’efficienza di generazione: lavorano infatti a basse temperature (35° contro 50° dei sistemi tradizionali) e si adeguano rapidamente alle variazioni di temperature (inerzia termica) grazie alla presenza del massetto isolante di calcestruzzo.

Dove metto i mobili con il pavimento radiante / mi si rovinano i mobili?

Non dovrai preoccuparti di dove posizionare i mobili: il calore sarà costate in tutta la stanza e lo spazio calpestabile sarà tutto a tua disposizione.
Infatti, la diffusione di calore del pavimento radiante avviene per irraggiamento: le correnti d’aria sono uniformi e raggiungono tutti gli angoli della stanza, ottenendo il benessere termico ottimale.
Ciò non avviene per esempio con i termosifoni, che creano una corrente convettiva che non riesce a raggiungere l’intera area del locale.

Come faccio in caso di manutenzione?

I pavimenti radianti non necessitano di manutenzione ordinaria: le tubature infatti non hanno saldature o giunzioni che si postrebbero usurare.
E’ comunque buona norma verificare lo stato dell’impianto ogni 20-25 anni, per assicurarsi che non ci sia un calo del rendimento termico

Quanto costa un pavimento radiante?

Il 50% in meno di quello che pensi: anche per il 2015 sono previste detrazioni fiscali e agevolazioni per gli interventi edilizi e di attenzione all’ambiente.

Se il calore sale verso l'alto, come fa un SOFFITTO RADIANTE a funzionare?

Funziona per irraggiamento.
Proprio come fanno i raggi del sole che raggiungono la Terra: quello che tende a salire verso l’alto è l’aria calda, non il calore. Il soffitto radiante riscalda la superficie delle cose e delle persone, non l’aria.
E’ proprio il caso di dirlo: il Soffitto Radiante è Caldo come il Sole

Il SOFFITTO RADIANTE consuma di più?

No, tutt’altro. Le nuove tecnologie permettono ai soffitti radianti di lavorare a basse temperature. Inoltre, data la loro allocazione, i raggi raggiungono prima tutte le superfici poiché non sono intralciati da mobili o da altri ingombri interni alla stanza.
In caso di ristrutturazione, l’uso di soffitti radianti agevola gli interventi di posa riducendo notevolmente il costo della manodopera.
Anche per quanto riguarda il raffreddamento, i sistemi Pantherm garantiscono una resa ottimale 3 volte superiore rispetto ad un sistema a pavimento.

Ma... scalda a sufficienza?

Certo, perché le pareti radianti limitano le dispersioni termiche:
l’istallazione prevede tutti gli accorgimenti per massimizzare l’isolamento. Sotto ogni impianto sono inseriti dei pannelli isolanti che hanno lo scopo di annullare/azzerare la differenza di temperatura tra pareti interne ed esterne.
Inoltre garantisce minor inerzia termica: le pareti iniziano a riscaldare appena sono messe in funzione, poiché il limitato spazio vuoto tra tubo e parete, scalda l’acqua nelle serpentine più velocemente e il calore, che non deve attraversare il massetto di calcestruzzo tipico dei riscaldamenti a pavimento,  irradia più velocemente.

Se ho una lavanderia, come mi regolo con il riscaldamento?

L’istallazione delle pareti radianti è effettuata principalmente sulle pareti esterne.
In questo modo, i muri ben riscaldati evitano problemi di muffa e di umidità tipica delle stanze poco abitate

Ma... nel sistema a parete, dove li attacco i quadri?

L’ampiezza delle superfici occupate dai pareti radianti dipendono dal progetto idraulico, ma in ogni caso, le tubature non si estendono oltre i due metri di altezza.

Ma... l'installazione è complicata?

Assolutamente no, la posa è simile a quella prevista per i pavimenti radianti ma più semplice. Inoltre esistono anche moduli pre-montati.

Ma... come faccio per raffreddare?

Con le opportune modifiche, è possibile far scorrere acqua fredda nelle pareti radianti per garantire un rinfrescamento in estate.

Con il riscaldamento radiante si ottiene una distribuzione delle temperature che si avvicina a quella ideale più di qualsiasi altro sistema.

Diffusione-Calore-01

Scopri i nostri sistemi

SISTEMI RADIANTI

per riscaldare e raffrescare, assicurando alta efficienza energetica

SISTEMI DI DISTRIBUZIONE SANITARIA

facili da installare e sicuri nel tempo

SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE

per contabilizzare l’utilizzo del tradizionale impianto centralizzato

SISTEMI TRATTAMENTO DELL'ARIA

per migliorare la qualità dell’aria e garantire elevati vantaggi economici

COLLETTORI

progettati per garantire il perfetto bilanciamento dei circuiti

COLLETTORE PER LA GEOTERMIA

con struttura modulare e visualizzazione di portata